Carenza degli infermieri: un problema da non sottovalutare

Secondo il sindacato Nursing Up, come riportato da quotidianosanita.it, attualmente mancano all’appello almeno 50.000 infermieri. Con i pensionamenti legati all’entrata in vigore di quota 100, i posti vacanti potrebbero salire fino a 75.000.

Le situazioni più critiche si registrano in Campania, con 10-12.000 infermieri mancanti, in Lombardia, dove servirebbero almeno 5.000 infermieri in più e in Piemonte, dove i posti carenti sono 3.500.

La carenza di infermieri nelle strutture sanitarie del nostro Paese è una realtà con cui è arrivato il momento di fare i conti.

La pandemia ha, se possibile, aggravato ancor di più il problema: negli ospedali e nelle RSA non c’è abbastanza personale per garantire un’assistenza di qualità ai pazienti.

Sempli Farma è il servizio che permette alle RSA (così come agli ospedali pubblici e privati) di liberare il personale infermieristico dall’incombenza di preparare “a mano” ogni giorno le terapie solide orali dei pazienti.

→ Sei il direttore o il coordinatore infermieristico di una RSA? Scopri come funziona: Come funziona